LEKEU - SCHUBERT
 
VIOLONCELLO AND
 
 
 
 
 
VIVALDI - CONCERTI PER VIOLONCELLO
 
ODUSIA
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
BRUNELLO MARIO

VIVALDI - CONCERTI PER VIOLONCELLO


Il CD Vivaldi è la seconda pubblicazione, dopo Odusia, della serie dedicata a Mario Brunello da Egea. Il famoso violoncellista esegue, con il supporto prezioso della formazione l'Arte dell'Arco, una lettura del tutto personale dei sei concerti per violoncello ed orchestra di Antonio Vivaldi. Così Mario Brunello commenta i tre movimenti in cui è articolato ciascuno dei sei concerti :
ALLEGRO
Nati probabilmente con intenti didattici, i Concerti per Violoncello di Vivaldi sembrano non voler mai lasciarsi andare al virtuosismo strumentale, come invece accade nei Concerti per Violino. Il carattere di ogni Allegro iniziale viene dato piuttosto dal colore delle corde vuote del Violoncello, dall’anima veneziana di certi incisi che ricordano filastrocche e canzoncine da strada, il tutto incalzato dall’energia ritmica del Basso Continuo. All’entrata del Violoncello, tutto si adegua alla sua tessitura, le progressioni danno voce e ritmo ai rapidi arabeschi di note e quando non è la Band del Basso Continuo (Liuto, Tiorba, Cello, Organo e Cembalo), sono i saltelli e i quasi battuti dei Violini che incessantemente sostengono i brevi discorsi del solo.
ADAGIO
Qui è l’elemento acqua che entra a far parte della musica. L’andamento degli Adagi evoca il gesto del remo, premer e stalir, che come un calmo respiro spinge la gondola, un respiro che si ripete immutato dai tempi di Vivaldi. Adagi come canzoni da battello, serenate nostalgiche o meditazioni immerse nell’incantata tristezza veneziana.
ALLEGRO
Il terzo movimento dei Concerti è Teatro. Il Violoncello diventa attore di strada, figura di burattino o strano personaggio che appare improvvisamente da una calle con rapidi dialoghi e vòse del dialetto veneziano. Ritmi e suoni sono pieni di influenze ispaniche, arabe, mediterranee e viene spontaneo l’uso del Liuto a chitara, del Cembalo con volate e trilli, oppure mettere in evidenza lo sbuffo percussivo dell’Organo. Insieme al caratteristico morso dell’archetto sulle corde di budello, tutti questi effetti creano un sottofondo di rumore percussivo da musica popolare. A sparigliare l’alternanza Allegro –Adagio -Allegro, tipica del Concerto Vivaldiano, un inusuale concerto spezzettato continuamente da cambi di umore, dove il Violoncello cerca il dialogo con un suono antico e misterioso di fagotto.






Tracklisting:

Concerto in Re minore per violoncello, archi e continuo RV 405
1. Allegro
2. Adagio
3. Allegro

Concerto in La minore per violoncello, archi e continuo RV 419
4. Allegro
5. Andante
6. Allegro

Concerto in Fa maggiore per violoncello, archi e continuo RV 412
7. Allegro
8. Larghetto
9. Allegro

Concerto in Do Maggiore per violoncello, archi e continuo RV 400
10. Allegro
11. Largo
12. Allegro con Molto

Concerto in Mi minore per violoncello, fagotto archi e continuo RV 419
13. Adagio
14. Allegro Molto
15. Allegro

Concerto in Si bemolle maggiore per vioino,violoncello, archi continuo RV 547
16. Allegro Moderato
17. Andante
18 Allegro


 
       
 
 
         
copre